Schutzhaus Latzfonserkreuz



Il Santuario

Situato a 2.296 metri si trova il santuario, costruito in forme neogotiche. Il tetto bianco e rosso è visibile nella cornice delle montagne e dei prati verdi. È il santuario più alto in Europa e la sua storia inizia molto prima di quella del rifugio. Nel 1700 si ergeva sulla sommità una croce, rappresentante il crocefisso del Cristo Nero, proveniente in origine da una tomba a Lazfons. Circa quarant’anni dopo, si rese possibile, anche grazie a donazioni da parte dei pellegrini, la costruzione di una piccola cappella votiva. Un secolo dopo si ampliò l’edificio, costruendo il santuario in forme neogotiche che ancora oggi rappresenta un amato luogo di pellegrinaggio nel maestoso scenario del Monte Ritzlars.Kirche02

Schwarzer Hergott am Latzfonserkreuz

Le 3 piccole campane provengono dall’officina Grasmair di Bressanone e ogni domenica suonano l’inizio della Santa messa. La Chiesa accoglie anche i pellegrini che dalla baita Saltner, sopra il rifugio di Chiusa, raggiungono attraverso una Via Crucis di 15 tappe il Santuario di Santa Croce di Lazfons.

La devozione all’icona del Cristo nero è tutt’oggi molto sentita e sono molti i pellegrini che raggiungono il Santuario, in particolare il 22 luglio, giornata in cui si celebra la festa religiosa dedicata a Santa Maria Maddalena.

Kirche01